Dicembre 2018: Fatture elettroniche: pagamento imposta di bollo

Nonostante l’argomento non sia nuovo, l’assolvimento dell’imposta di bollo crea ancora dei dubbi; vediamo quindi di fornire il quadro esatto.

Imposta di bollo e fattura elettronica

L’imposta di bollo è dovuta per tutte le fatture esenti IVA per importi superiori a € 77,47 e per alcuni libri contabili (Libro Giornale e il Libro Inventari, per citare i più comuni)

 

Pagamento virtuale o pagamento telematico?

Nonostante sembrino la stessa cosa, in realtà sono modalità diverse da utilizzarsi su documenti diversi.

Il pagamento virtuale

Prevede l’ottenimento, da parte dell’Agenzia delle Entrate, di un numero di autorizzazione e un “fondo cassa” costituito sul volume stimato di documenti che, nel corso dell’anno, sconteranno l’imposta di bollo.

L’imposta viene liquidata con rate bimestrali a importo provvisorio e, entro il 31.01 dell’anno successivo, a consuntivo presentando una dichiarazione che contiene il totale delle fatture emesse e/o ricevute nell’anno.

In fattura, oltre al numero di autorizzazione, deve essere presente il riferimento all’art. 15 del DPR 642/1972.

Questa modalità di pagamento può essere utilizzata esclusivamente per i documenti analogici (cartacei) e non per i documenti elettronici.

Il pagamento telematico

Questa modalità è stata introdotta con l’art. 6 del DMEF del 17.06.2014 e prevede un unico pagamento a consuntivo, entro il 4° mese dalla chiusura dell’esercizio fiscale, tramite F24.

Il codice tributo da utilizzare è il 2501.

Nessuna autorizzazione e nessuna comunicazione: semplicemente si procede al conteggio dei documenti che scontano l’imposta di bollo e si effettua un versamento in banca tramite modello F24.

Questa modalità è l’unica applicabile ai documenti informatici.

Di conseguenza, con l’arrivo della fattura elettronica obbligatoria dal 1° gennaio 2019, questo sarà l’unico forma di pagamento del bollo fiscalmente riconosciuta.

Nell’XML della fattura elettronica andrà compilata l’apposita sezione 2.1.1.6 <DatiBollo>, sezione che dovrà essere presente solo sui documenti che realmente scontano l’imposta e non in modo indifferenziato su tutte le fatture (abitudine questa piuttosto diffusa visto che il PDF permetteva indicazioni tipo “imposta di bollo assolta ove dovuto).

 

***Aggiornamento al 1 gennaio 2019***: Con il Comunicato stampa n. 224 il Ministero dell’Economia e delle Finanze annuncia nuove modalità per pagare il bollo sulla Fatturazione elettronica:

“Con l’entrata in vigore dal 1 gennaio 2019 della fatturazione elettronica obbligatoria, cambieranno le modalità di pagamento delle relative imposte di bollo per quanti vi siano assoggettati. Il decreto firmato oggi dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, per facilitare l’adempimento da parte del contribuente prevede che al termine di ogni trimestre sia l’Agenzia delle Entrate a rendere noto l’ammontare dovuto sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di Interscambio. Grazie a quei dati, l’Agenzia metterà a disposizione sul proprio sito un servizio che consenta agli interessati di pagare l’imposta di bollo con addebito su conto corrente bancario o postale. Oppure utilizzando il modello F24 predisposto dall’Agenzia stessa. Le disposizioni del decreto si applicheranno alle fatture elettroniche emesse a partire dal 1 gennaio 2019.”

Come si legge dal comunicato, gli importi verranno messi a disposizione alla fine di ogni trimestre e si potrà pagare, oltre che con il classico F24, anche attraverso un servizio messo a disposizione dell’Agenzia.

Fattura elettronica: l'assolvimento dell'imposta di bollo

Giancarla Porro

Digital Expert Compliance

Indicom Group

 

Per approfondire:

Leggi anche: Imposta di bollo, conservazione fatture e registri e FatturaPA per 18app

Pronto per la Fatturazione Elettronica? Scarica l’e-book gratuito

Leggi anche: Fatturazione Elettronica: quali sfide ed opportunità?

← Torna alla lista News
← Torna alla Raccolta news conservazione sostitutiva

© 2018 INDICOM s.r.l. - P.IVA 13435960151 - Via Carnevali 39 - 20158 MILANO +39 0233002805

© 2018 Indicom eDocument Care Srl - P.IVA 08806580968 - Via Carnevali, 39 - 20158 MILANO +39 0233002805

© 2018 Indicom Centro Nord Srl - P.IVA 03473380404 - Viale Murano, 32 - 47838 Riccione (RN) +39 0541657214

LINKS- PRIVACY- RICERCA PERSONALE