Come migliorare la gestione delle fatture passive con la digitalizzazione

La digitalizzazione delle fatture passive rappresenta il primo step per semplificare i processi amministrativi ed iniziare il percorso della digital transformation. I dettagli nell’articolo.

digitalizzazione fatture passive

Come emerso da una recente ricerca dell’Osservatorio del Politecnico di Milano ed evidenziato nel nostro precedente articolo, la fattura elettronica ha comportato significativi miglioramenti per le aziende, soprattutto nella gestione delle fatture passive. Dati alla mano, lo studio dimostra infatti come l’utilizzo della fattura elettronica abbia ridotto i tempi di registrazione delle fatture ricevute, semplificato le loro procedure di verifica, snellito il processo di approvazione dei pagamenti e velocizzato l’attivazione degli ordini di pagamento: tutti benefici senz’altro determinati dal linguaggio standard XML che la fatturazione elettronica ha imposto.
Eppure, non è strano affermare che ancora oggi, l’attività di contabilizzazione delle fatture passive così come quelle di riconciliazione con ordini e bolle, workflow approvativi e conservazione digitale a norma siano tutt’altro che semplici proprio a causa della ricezione di fatture multi-formato.

 

Ciclo passivo: non solo fatture elettroniche

Oggi le aziende si trovano a dover gestire – oltre alla e-fattura – anche fatture passive ricevute in formato cartaceo e o in altri formati digitali quali PDF, EDI… Tra queste, rientrano:
– Fatture di categorie esentate dall’obbligo (minimi e forfettari)
– Fatture di fornitori esteri
– Fatture Intercompany di consociate estere
Una situazione senz’altro eterogenea che rende complessa l’attività di importazione dei documenti nel proprio gestionale e quindi la gestione dei processi amministrativi collegati.

 

La digitalizzazione delle fatture passive

Per rispondere a questa esigenza di semplificazione e consentire una più rapida gestione delle fatture ricevute, Indicom propone il servizio di Digitalizzazione delle fatture passive provenienti da formati differenti, allo scopo di agevolare i processi di elaborazione dei dati ai fini della contabilizzazione, riconciliazione di ordini bolle e fatture, workflow approvativi e conservazione digitale a norma.

La dematerializzazione dei documenti è quel processo che, attraverso strumenti integrati, trasforma il documento analogico (cartaceo) in formato elettronico e lo rende disponibile, generando una condivisione più rapida e funzionale delle informazioni. La digitalizzazione, che propriamente riguarda i processi, si riferisce invece a documenti nativi digitali.

Così dunque, il servizio prevede che le fatture passive ricevute in formato cartaceo siano sottoposte ad un processo di scansione per la produzione delle corrispondenti immagini in formato PDF (dematerializzazione) e che, allo stesso modo, le fatture passive già in formato digitale vengano controllate e normalizzate (digitalizzazione).
In questo modo, quindi, tutte le fatture passive verranno elaborate unicamente in formato digitale, e potranno essere consultate e condivise su un portale online tramite l’utilizzo di chiavi di ricerca (metadati) o mediante ricerche sul contenuto.
Un grande vantaggio per l’azienda, che può così ricercare e consultare tutte le fatture ricevute e importarle sul proprio gestionale per l’attività di contabilizzazione, semplificando la riconciliazione delle fatture con gli altri documenti del ciclo dell’ordine (bolle e DDT) e facilitando la generazione di workflow approvativi in grado di razionalizzare le informazioni e i flussi di lavoro.
Il processo si conclude con la conservazione digitale a norma delle fatture passive che, in quanto digitalizzate, potranno essere versate in un unico sistema di conservazione.

Sei pronto a digitalizzare le tue fatture passive? Contattaci per richiedere maggiori informazioni:

digitalizzazione fatture passive: contattaci

 
 
 
 
 


Per approfondire:

Leggi anche: Dematerializzazione documenti:come migliorare i processi aziendali

Leggi anche: Dalla fattura elettronica alla digitalizzazione dei documenti

Leggi anche: Registrazione di fatture elettroniche in outsourcing per Associazioni di categoria

← Torna alla lista News
← Torna alla Raccolta news conservazione sostitutiva

© 2019 INDICOM Srl - P.IVA 13435960151 - Via Carnevali 39 - 20158 MILANO +39 0233002805

© 2019 Indicom eDocument Care Srl - P.IVA 08806580968 - Via Carnevali, 39 - 20158 MILANO +39 0233002805

© 2019 Indicom Centro Nord Srl - P.IVA 03473380404 - Viale Murano, 32 - 47838 Riccione (RN) +39 0541657214

LINKS- PRIVACY- LAVORA CON NOI